FILLEA


Federazione Italiana dei Lavoratori del Legno, dell’ Edilizia, delle industrie Affini
La Federazione Italiana dei Lavoratori del Legno, dell’ Edilizia, delle industrie Affini ed estrattive (F.I.L.L.E.A.) é un’organizzazione sindacale di natura programmatica, unitaria e democratica, plurietnica, di donne e di uomini, che promuove la libera associazione e l’autotutela solidale e collettiva delle lavoratrici e dei lavoratori dipendenti o eterodiretti e di quelli disoccupati appartenenti ai seguenti settori e comparti produttivi: edilizia e affini, legno e arredamento; materiali da costruzione: cemento, calce e gesso, laterizi, manufatti in cemento; lapidei ed estrattivi. Possono aderire alla Fillea tutti i lavoratori e le lavoratrici dipendenti: operai, impiegati, intermedi, tecnici, quadri. L’adesione alla Fillea è volontaria. Essa comporta piena eguaglianza di diritti e di doveri nel pieno rispetto dell’appartenenza a gruppi etnici, nazionalità, lingua, fedi religiose, di orientamento sessuale, culture e formazioni politiche, diversità professionali, sociali e di interessi, nonchè l’accettazione dei principi e delle norme del presente Statuto, in quanto assumono i valori delle libertà personali, civili, economiche, sociali e politiche, della giustizia sociale quali presupposti fondanti e fini irrinunciabili di una società democratica. La Fillea aderisce alla Cgil.
La Fillea fa parte della Federazione europea dei lavoratori edili e del legno (FETBB), che a sua volta aderisce alla Confederazione europea dei sindacati (CES). La Fillea inoltre fa parte della Federazione internazionale dei lavoratori dell’edilizia e del legno (FITBB).

__________________________________________________

Segretario Generale: Felice Marcias

 

Segreteria:
  • Piras Valentina     -  Segretario di Organizzazione e Responsabile Enti Bilaterali
  • Frongia Fabiano   -  Responsabile Contrattazione e Impianti Fissi

_________________________________________________________________

Dove siamo: C.so  Umberto I, n°16 – Oristano

__________________________________________________________________

Contatti:
filleaor@tiscali.it

Tel. / Fax 0783 74064

Felice Marcias               cell.    3357888282
Valentina Piras              cell.    3456297368

_______________CONOSCERE LA FILLEA E LA CGIL_______________________

I VALORI DELLA FILLEA E DELLA CGIL

La FILLEA basa la sua azione sindacale sui valori fondamentali condivisi con la Confederazione

 

 

  1. Rispetto della Costituzione della Repubblica                                    .  
  2. Pari opportunità fra uomini e donne                                                              
  3. Solidarietà attiva tra lavoratori e tra le generazioni                                 
  4. Pace tra i popoli                                                                                  
  5. Autonomia del sindacato 
  6. Centralità del sapere e pluralismo dell’ informazione                                               
  7. Qualità e sicurezza del lavoro
  8.  Unità dei lavoratori e democrazia sindacale
  9. Uguaglianza, solidarietà ed esigibilità dei diritti
  10. Sviluppo equilibrato tra le diverse aree del mondo

_______________LA MISSIONE DELLA FILLEA CGIL _________________________

 

 

 

 

 

La FILLEA CGIL è impegnata a difendere ed estendere i diritti collettivi e individuali e la rappresentanza delle lavoratrici e dei lavoratori che operano nei settori dell’edilizia, del cemento, calce e gesso, dei laterizi e manufatti in cemento, dei materiali lapidei e del legno – arredo.

Opera tramite la contrattazione per incrementare il benessere economico dei lavoratori nei salari e nel sistema di welfare, considera la salute e la sicurezza una priorità in tutti i luoghi di lavoro e tutela e promuove i diritti dei migranti, nuovi cittadini del Paese.

Promuove la cultura della legalità e del lavoro regolare e il contrasto al lavoro nero e sommerso. Sostiene i nuovi modelli di sviluppo ispirati alla sostenibilità ambientale e intende la qualità come obiettivo per la filiera delle imprese delle costruzioni e come leva per la crescita  professionale dei lavoratori. 

_________ I LAVORATORI CHE LA FILLEA RAPPRESENTA   _______________

La FILLEA organizza e rappresenta le lavoratrici e i lavoratori dipendenti (operai-quadri- tecnici- impiegati) parasubordinati e eterodiretti appartenenti ai seguenti settori :

 

 

 

  •  EDILIZIA : Architetti, ingegneri, capi cantiere, capi squadra, carpentieri, elettricisti, ferraioli, geometri, gruisti, idraulici, imbianchini,        lattonieri, manovali, muratori, pavimentisti, restauratori, archeologi, impiegati amministrativi e di cantieri, giuntisti saldatori, tubisti, palombari, nostromi, riparatori meccanici, rocciatori, operatori di centrale, stuccatori, riquadratori, verniciatori, decoratori, vetrocementisti, palchettisti, addetti a lavori dell’armamento ferroviario, conduttori di macchine movimento terra, fochini, lancisti, pompisti, installatori. CCNL EDILI -  tabelle-
  • CEMENTO, CALCE E GESSO : Tecnici, impiegati, programmatori, disegnatore, manutentore, caposquadra, preposti attività di cava o miniera, conduttori di forni, conduttori di macchine operatrici, minatori, fuochini, conduttori di essiccatoi, addetti linee carico silos, addetti impianti miscelazione magazzinieri. CCNL CEMENTO, CALCE E GESSO - tabelle-
  • LATERIZI E MANUFATTI IN CEMENTO : Operai, geometri, progettisti meccanici, elettricisti, camionisti, ragionieri, operai programmatori, manutentori trattoristi, carpentieri, montatori, falegnami e magazzinieri. CCNL LATERIZI E MANUFATTI IN CEMENTO - tabelle-
  • MATERIALI LAPIDEI: Cavatori, scalpellini, intarsiatori di materiali lapidei, impiegati.  CCNL MATERIALI LAPIDEI - tabelle-
  • LEGNO- ARREDO:  Falegnami, carpentieri, ebanisti, mobilieri, arredatori, intagliatori, corniciai, tornitori  legno, sediai, taglialegna, allestitori di scene artistiche, bottai fabbricanti di strumenti musicali, modellisti in legno e lucidatori, costruttori di case, posatori di pavimenti in legno, impiegati, quadri, intermedi, design, addetti alle macchine.  CCNL LEGNO  -tabelle-

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

______________GLI ENTI BILATERALI IN EDILIZIA _____________________
Gli Enti Bilaterali sono organismi, previsti dai contratti nazionali, cosiddetti paritetici perchè al loro funzionamento provvede un comitato di gestione costituito da rapresentanti delle Organizzazioni Sindacali e delle corrispettive controparti imprenditoriali, in numero equivalente. Rappresentano lo strumento di attuazione e di amministrazione del contratto collettivo in aree e settori produttivi  nei quali la parte datoriale è frammentata e soggetto ad alto tasso di variabilità, con conseguente frammentazione della rappresentanza dei lavoratori. Presentano un carattere pmutualistico in relazione alla gestione di alcuni istituti contrattuali non sostenuti dal welfare e troppo onerosi per le singole imprese: adempimenti contributivi, formazione professionale, prevenzione infortuni. Peculiari del settore dell’Edilizia, gli Enti Bilaterali sono presenti anche nel commercio, nell’artigianato e nel turismo.

 

LA FILLEA CGIL E IL SISTEMA DEGLI ENTI BILATERALI

Cosa sono gli enti bilaterali?

Gli Enti bilaterali sono organismi, previsti dai contratti nazionali, cosiddetti paritetici perché al loro funzionamento provvede un comitato di gestione, di solito un Consiglio di Amministrazione, costituito da rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali e delle corrispettive controparti imprenditoriali in numero equivalente.

Rappresentano lo strumento di attuazione e di amministrazione del contratto collettivo in aree e settori produttivi nei quali la parte datoriale è frammentata e soggetta ad alto tasso di variabilità, con conseguente frammentazione della rappresentanza dei lavoratori. Presentano un carattere mutualistico in relazione alla gestione di alcuni istituti contrattuali non sostenuto dal welfare e troppo onerosi per le singole imprese: adempimenti contributivi, formazione professionale e prevenzione infortuni.

Com’è articolata la bilateralità in edilizia ?

Gli enti paritetici nel settore dell’edilizia sono costituiti a livello provinciale e/o regionale sulla base della previsione contenuta nei contratti collettivi nazionali di lavoro per i lavoratori dipendenti delle imprese edili. Gestiti pariteticamente dalle organizzazioni datoriali locali ( aderenti a ANCE. ANIEM, ANCPL-Legacoop, Federlavoro e servizi-Confcooperative, AGCI, Anaepa / Confartigianato, Assoedili- Anse/CNA, Fiae-Casaartigiani, Claaai) e dai rispettivi rappresentanti locali delle organizzazioni sindacali firmatarie del CCNL ( FILLEA, FILCA, FENEAL), sono:

  1. le CASSE EDILI, coordinate dalla CNCE, Commissione nazionale delle Casse Edili;
  2. le SCUOLE DI FORMAZIONE coordinate dal FORMEDIL nazionale , con le rispettive articolazioni regionali.
  3. i COMITATI PARITETICI TERRITORIALI ( CPT), coordinate dalla CNCPT, Commissione nazionale dei Comitati paritetici territoriali.

Il sistema nazionale di formazione

Il sistema formativo edile si avvale di un organismo centrale, il Formedil nazionale, che indirizza , coordina, promuove e verifica l’ operato e le iniziative delle scuole edili provinciali e regionali, in materia di formazione, qualificazione e riqualificazione professionale dei lavoratori del settore e di formazione alla sicurezza.

Le scuole edili rispondono all’esigenza di dotare il sistema paritetico della formazione professionale del settore di strumenti idonei a indirizzare l’ offerta formativa e a garantire l’occupabilità , la qualità e l’ adattabilità. il percorso deve essere certificato e riportato nel libretto personale elaborato dal Formedil stesso, affinchè il tipo di formazione erogata si collochi all’interno del sistema di istruzione/formazione e si caretterizzi come ” culturale del lavoro del costruire”.

Le attività di formazione vengono realizzate delle scuole edili secondo le esigenze del mercato del lavoro locale.

Il sistema di formazione dell’ industria delle costruzione dispone di risorse proprie che sono quantificate dal CCNL di settore, secondo il seguente modello:

  • un finanziamento – a totale carico delle imprese – pari a circa all’ 1% della massa salari calcolata su base provinciale, concorre a finanziare le singole scuole edili;
  • un finanziamento dello 0.02% calcolato sulla massa salari nazionale è destinato a finanziare la struttura FORMEDIL nazionale.

 Le Casse Edili e il sistema di finanziamento degli enti bilaterali

Le Casse Edili sono di origine contrattuale. Nascono cioè da accordi sindacali stipulati fra le Associazioni Imprenditoriali e le Organizzazioni Sindacali dei Lavoratori. Le Casse Edili, si sono sviluppate e estese nel primo dopoguerra, grazie alla lotta del sindacato che riuscì a coinvolgere masse di lavoratori attorno ai grandi obiettivi di emancipazione, tutele e diritti sociali. Le tante precarietà del lavoro edile ebbero così attraverso gli accordi sottoscritti e la nascita delle Casse Edili quelle risposte avanzate e innovative, tanto da essere considerate strumenti validi e attuali tutt’oggi. L’idea fondamentale quanto innovativa è l’appartenenza a un comparto più che alla singola impresa. E il lavoratore che frequentemente si sposta nel territorio o cambia azienda continua a maturare e difendere i suoi diritti contrattuali attraverso la Cassa Edile. La riscossione delle ferie, la tredicesima mensilità e successivamente gli scatti di anzianità (APE) sono  diventati così una concreta realtà e non solo dei diritti sulla carta.

CASSE EDILI [ quote mensili accantonate dalle imprese: 14.20% della retribuzione + contribuzione aggiuntiva del 10% sulla retribuzione]

  • Assicurano parte del trattamento economico previsto dal CCNL { ferie-gratifica natalizia( 13° mensilità)}
  • Erogano scatti di anzianità  { premio annuo per l’anzianità prof. edile – APE- }
  • Offrono prestazioni extracontrattuali e integrative di carattere assistenziale e mutualistico
  • Rilasciano la certificazione della regolarità contributiva per le imprese iscritte (DURC)

Una parte di questa contribuzione, quella relativa alla gestione della Cassa Edile è a carico, con valori differenti, del datore di lavoro e del lavoratore.

Infine, la Cassa Edile, nel ricevere la contribuzione da parte delle imprese, incassa  anche quanto dovuto per altri istituti contrattuali quali le scuole edili e i comitati tecnici, dei rappresentanti della sicurezza dei lavoratori, del fondo di previdenza complementare (PREVEDI) nonché delle quote associative e di adesione contrattuale per le associazioni dei datori di lavoro e delle adesioni contrattuali per le OO.SS. dei lavoratori.

Le Casse Edili sono organizzate a livello nazionale dal CNCE (COMMISSIONE NAZIONALE DELLE CASSE EDILI) a cui sono demandati i compiti di indirizzo, controllo e coordinamento delle stesse. Le principali attività svolte dalla CNCE sono la tenuta della banca dati dei lavoratori, la predisposizione della modulistica unica per la stesura del bilancio delle Casse Edili e della modulistica unica per dei lavoratori e delle ore, la consulenza su interpretazioni legislative di natura fiscale e contributiva, la tenuta della Banca delle imprese irregolari (BNI).

Il siatema nazionale di formazione edilizia

Il sistema formativo edile si avvale di un organismo centrale, il Formedil nazionale,che indirizza, coordina, promuove e verifica l’operato e le iniziative delle scuole edili provinciali e regionali, in materia di formazione, qualificazione e riqualificazione professionaledei lavoratori del settore e di formazione alla sicurezza.

Le scuole edili rispondono all’esigenza di dotare il sistema paritetico della formazione professionale del settore di strumenti idonei a indirizzare l’ offertabformativa e a garantire l’ occupabilita’, la qualita’  e l’ adattabilita’. Il percorso deve essere certificato e riportato nel libretto personale elaborato dal Formedil stesso, affinchè il tipo di formazione erogata si collochi all’interno del sistema di istruzione/ formazione e si caratterizzi come ” culturale del lavoro del costruire”.

Le attività di formazione vengono realizzate dalle scuole edili secondo le esigenze del mercato del lavoro locale.

Il sistema di formazione dell’industria delle costruzioni dispone di risorse proprie che sono quantificate dal CCNL di settore, secondo il seguente modello:

  1. Un finanziamento – a totale carico delle imprese- pari circa all’1% della massa salari calcolata su base provinciale, concorre a finanziare le singole scuole edili;
  2. Un finanziamento dello 0.025 calcolato sulla massa salari nazionale è destinato a finanziare la struttura Formedil nazionale

 16 ORE

Cosa sono? 

le 16 ore prima sono un’importante innovazione contrattuale introdotta nel contratto collettivo di lavoro che prevede, con decorrenza dal 1 gennaio 2009, una formazione professionale e alla sicurezza di 16 ore rivolta a ciascun lavoratore al primo ingressonel settore svolta presso la locale Scuola Edile.

A cosa servono?

Forniscono a tutti i nuovi lavoratori una formazione minima che consenta loro di muoversi in cantiere in modo sicuro e all’impresa la possibilità di adempiere agli obblighi di legge in materia di formazione. La preparazione è prima di tutto professionale e permette ad un neo assunto senza esperienza di lavoro in edilizia di svolgere nel modo giusto e in sicurezza le mansioni assegnate in cantiere.

Edilcassa Sardegna

Cassa edile oristano

 

 

Link consigliati

 

 

Fondi complementari

 

In evidenza

X° CONGRESSO FILLEA CGIL

IL GIORNO 15 FEBBRAIO 2014   SI E SVOLTO IL X CONGRESSO DELLA FILLEA CGIL DI ORISTANO, ALLA PRESENZA DEL SEGRETARIO NAZIONALE MAURO LIVI , ALLA PRESENZA DEL SEGRETARIO REGIONALE ENRICO CORDEDDU E DELLA SEGRETARIA DELLE CAMERA DI LAVORO DI ORISTANO ROBERTA MANCA . I 35 DELEGATI DEL CONGRESSO HANNO ELETTO IL SEGRETARIO DELLA FILLEA [...]

continua

In evidenza

CCNL EDILIZIA. E’ ROTTURA,13 DICEMBRE SCIOPERO GENERALE. SCHIAVELLA: ANCE E COOP SENZA PUDORE

                    Sciopero generale il 13 dicembre, con modalità da definire a livello regionale e con quattro manifestazioni nazionali, a Milano, Roma, Napoli e Palermo. Questa la decisione presa dalle delegazioni nazionali di Feneal Uil – Filca Cisl – Fillea Cgil al termine dell’incontro odierno del tavolo [...]

continua

In evidenza

EMERGENZA SARDEGNA

4mori

ANCI ATTIVA CONTO CORRENTE. TUTTE LE INIZIATIVE DI SOLIDARIETA’ E’  operativo un conto corrente per i contributi di coloro che intendono impegnarsi per il sostegno ai comuni colpiti. Il conto e’ intestato ad Anci e denominato Emergenza Comuni alluvionati, Iban IT 11 K 06230 03202 000057122587.

continua

In evidenza

SIGLATO IPOTESI ACCORDO CCNL EDILIZIA PMI CONFIMI ANIEM-ANIER.

29.10.13 Con la firma all’ipotesi di accordo tra le imprese aderenti a Confimi Aniem – Anier e Fillea Filca Feneal, in dirittura di arrivo il rinnovo del primo dei CCNL del comparto edilizia, quello dei lavoratori dipendenti delle Piccole e Medie Imprese.Tenuta sia sul piano salariale che dei diritti. In particolare, nessun intervento sull’Ape (anzianità [...]

continua

In evidenza

RINNOVATO CCNL LEGNO E ARREDO UNITAL/CONFAPI

                    25.10.13 Firmata oggi pomeriggio l’ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL Unital/Confapi legno e arredo, che riguarda oltre 21.000 lavoratori, con aumenti che decorrono da giugno 2013  di 115,24 euro  per il Il livello – As1 e 86 euro per Ae1, nell’arco dei tre [...]

continua

In evidenza

ASSEMBLEA NAZIONALE EDILIZIA: AL VIA MOBILITAZIONE. MAURO LIVI: INACCETTABILI PROPOSTE ANCE E COOP

01.10.13 Fillea Filca Feneal proclamano lo stato di mobilitazione per il comparto dell’edilizia: questa la decisione assunta dall’Assemblea Nazionale unitaria, tenutasi stamane a Roma presso il Centro Congressi Frentani, come spiega Mauro Livi, segretario nazionale Fillea  “i lavoratori aspettano da nove mesi,  è tempo di accelerare per giungere ad un positivo rinnovo di questo contratto” [...]

continua

In evidenza

CCNL. FIRMATA IPOTESI CONTRATTO LATERIZI E MANUFATTI IN CEMENTO.

 Il  24 giugno è stata firmata l’ipotesi di accordo per il rinnovo contrattuale del settore dei Laterizi e Maufatti Cementizi (Industria), scaduto lo scorso 31 marzo, tra i sindacati di categoria Feneal Uil – Filca Cisl – Fillea Cgil e le rappresentanze imprenditoriali Andil e Assobeton. Per la parte economica, previsto un aumento medio di [...]

continua